L'enciclopedia jugoslava

 

Tra il 1955 e il 1971, sotto la direzione di Miroslav Krleža furono pubblicati a Zagabria dall'Istituto jugoslavo di lessicografia gli otto volumi dell'Enciclopedia della Repubblica Socialista Federale Jugoslava.

 

Leggi la voce Danubio

 

Leggi la voce Confederazione danubiana

 

 

 Il commento di Miroslav Krleža alla voce Danubio 

"... È tutto qui quello che va nella voce 'Danubio'? Anche quel poco che si dice in termini geografici è del tutto schematico e pallido. Non è la realizzazione di quello che, secondo i piani, avevamo deciso che era necessario dire del Danubio.
Che ne è del Danubio nell'Enciclopedia marittima? I due testi andrebbero confrontati. Si è detto che avremmo descritto il Danubio non solo dal punto di vista geografico, ma anche dal punto di vista storico, politico, economico, strategico e politico-culturale. Danubius, Ister, Istros, Dunav, Donau, Dunai, Duna, Dunavo, Duneh, Danubius, Denube, dai Celti alla storia contemporanea di tutti i popoli danubiani, motivo egualmente importante attraverso i secoli.
Il Danubio è il maggiore fiume europeo, e nonostante esso attraversi i nostri luoghi, e nonostante ad esso nell'ambito della nostra Enciclopedia valga la pena dedicare l'attenzione più ampia e minuziosa, quella frontiera dell'impero romano, quel motivo iconografico e delle arti figurative, nella descrizione attuale resta un argomento intoccato. 
I fiumi che si riversano nel Danubio collegano il bassopiano danubiano con vari paesi, popoli e località. Esso è ugualmente importante nell'araldica come nelle questioni del diritto internazionale, della navigazione danubiana, delle questioni di regolamentazione ecc.
Città e civiltà del Danubio: 
Golubac, Belgrado, Slankamen, Senta, Petrovaradin, Bratislava, Višegrad, Kalemegdan, Negotin, Budim, Vienna, e così via fino a Galati e al delta del Danubio, da Korvin ai reggimenti di šajke (navi della flotta dell'impero asburgico), al confine austriaco, dall'ascesa e declino degli Asburgo fino dal passaggio di Tolbuhin presso Batina Skela. I canali danubiani: Danubio-Rajna, Danubio-Odra, Danubio-Tibisco, Danubio-Sava, Belgrado-Amburgo ecc..."

Tratto da Marginalije, i commenti alla stesura dell’enciclopedia che Krleža scrisse tra il 1955 e il 1971. Traduzione di Federico Sicurella